approvato-uso-estrattivo-della-canapa
Approvato uso estrattivo della canapa

Il Ministero dell’Agricoltura con un decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19.08.2020, ha approvato l’uso estrattivo dalle infiorescenze di canapa sativa stabilendo anche il prezzo unitario massimo applicabile.

Canapa pianta officinale

Le infiorescenze di Canapa Sativa L. erano già state inserite tra le piante officinali in un decreto del 2018. L’inserimento in elenco ha permesso alla canapa di essere coltivata e trasformata anche quale pianta officinale secondo quanto previsto dall’art. 2, c. 4 del D.Lgs. n. 75/2018.

Approvato l’uso estrattivo della Canapa, il Ministero dell’Agricoltura legittima così la produzione di estratti da infiorescenze realizzati e commercializzati secondo la normativa di settore delle piante officinali. Si delinea così una chiara filiera produttiva agro-industriale.

Questo Decreto rappresenta la definitiva affermazione di un settore che negli ultimi anni ha subito limitazioni da ingiustificati pregiudizi ed interpretazioni normative ambigue.

Polifunzionalità delle aziende agricole

Le aziende agricole in virtù dell’articolo 2135 del codice civile, potranno quindi coltivare, raccogliere e (finalmente) trasformare la canapa come una normale pianta officinale.

Ciò comporterà la liceità di produrre oli essenziali, terpeni ecc. estratti dalle infiorescenze di canapa sativa L. coltivate secondo la L. n. 242/2016 e nel rispetto delle Good Agricoltural Collecting Practice e commercializzati secondo la specifica normativa di settore.

Sarà quindi considerata attività di tipo agricolo la prima lavorazione delle infiorescenze che si potrà eseguire in azienda o anche conferirla presso terzi.

Gli scenari futuri

Tale impostazione porterà ad una potenziale apertura per il consumo umano dei derivati officinali della canapa, sinora limitati, in Italia, ai soli semi.

Arriveranno quindi sul mercato sempre più prodotti legali che arrichiranno lo shop di Maryboom.

Finalmente la canapa sativa viene inserita in un documento ministeriale a carattere agricolo insieme ad altri prodotti, affermando così un punto fondamentale della questione: la canapa sativa è un prodotto agricolo, non una droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *